Mercoledi, 22 novembre 2017 - ORE:03:01

Una vita da baby bodybuilder

bodybuilder

bodybuilder

Smartwatch free

Bodybuilder a 10 anni potrebbe essere il nome di una nuova soap-opera su MTV, tuttavia è quello che succede a Icoana, un comune della Romania di 2.012 abitanti, ubicato nel distretto di Olt; lì abita la famiglia Stroe: mamma e papà Stroe, Giuliano, 10 anni, Claudiu, 8 anni e la piccola Francesca di 6.

Baby Bodybuilder Giuliano Stroe

Da quando aveva 4 anni Giuliano detiene il titolo  di “bambino più forte del mondo”, nel 2009 è stato registrato nel libro dei Guinness World Record per aver battuto i suoi avversari nella dieci metri sulle mani tenendo un peso tra le gambe. Il 24 febbraio 2010 ha vinto il Muscle-up World Record (record mondiale per il maggior numero di flessioni fatte senza mai far toccare i piedi al suolo) e per due anni consecutivi è stato campione imbattuto di Chin-ups in Human Flag. Anche Claudiu sta seguendo le orme del fratello maggiore, entrambi sono seguiti dal padre che li allena personalmente tutti i giorni. Gli Stroe hanno una baby-palestra in casa, completamente munita di attrezzi, aste, pali e pesi.

Alle sei e mezza c’è la sveglia, colazione e poi a scuola. Tornati a casa ci si allena, si fanno i compiti, la merenda e si gioca. La vita del piccolo bodybuilder Giuliano è documentata dal padre Iulian sulla sua pagina Facebook per contrastare le critiche che gli sono state rivolte da quando Giuliano è diventato un fenomeno mediatico. Ci sono le foto dei compleanni, del fungo trovato nel bosco e dei travestimenti di Halloween, insomma, ritratti di una vita quotidiana apparentemente normale, cadensata però da allenamenti, gare, assunzione controllata di proteine e una dieta bilanciata.

I falsi miti dei bodybuilding

La vita di un bodybuilder, infatti, non è e non deve essere pensata come solo di ormoni, dopanti e proteine: questo è un luogo comune. In moltissimi forum gli atleti si difendono e fanno una chiara distinzione tra hormon building (pratiche dopanti), fat building (allenamento per essere più grossi anche con tanta ciccia) e natural body building (trasformazione del proprio corpo con esercizio aerobico, meno grasso possibile e alimentazione curata). Il vero bodybuilder cura non solo l’aspetto fisico ma anche quello salutistico. Questo è il principale obiettivo della pagina Facebook “Giuliano Stroe”: dimostrare che il bambino ha una vita sana.

La polemica: allenamenti che possono bloccare la crescita

giuliano stroe
Medici, neurologi e scienziati hanno però opinioni divergenti sulla bontà di allenamenti così pesanti e spesso si teme che possano influire negativamente sulla crescita del bambino. Un bambino di 4 anni con la potenza di un adulto, i muscoli rigonfi e degli addominali scolpiti come nel marmo che si solleva a 90 gradi su delle bottiglie di vetro non può che fare un grande effetto… e scatenare polemiche. A Iulian è stata tolta la custodia del figlio per diversi anni, i media e le istituzioni rumene si sono scagliate contro di lui, tribunali e sentenze hanno prosciugato le finanze degli Stroe e Iulian non ha più un lavoro fisso.

A giugno tuttavia la deposizione della neurologa Naie Niculina, incaricata del caso, ha fatto tirare un sospiro di sollievo agli Stroe dicendo di non aver riscontrato alcun tipo di deficit mentale o psicomotorio nei bambini, a tal punto da ritenere superflua la separazione dal loro genitore.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 21 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.