Venerdi, 21 luglio 2017 - ORE:20:39

Riportare i morti in vita: il primo concreto progetto di ricerca


La notizia è di quelle davvero clamorose: esiste un progetto finanziato per riportare i morti in vita. Questo è l’obiettivo fissato dalla società biotech statunitense Bioquark Inc., approvato dal Governo americano. Le autorità mediche statunitensi hanno appoggiato il progetto e concesso alla Bioquark il permesso di reclutare 20 pazienti clinicamente morti a seguito di una lesione cerebrale traumatica. Gli scienziati utilizzeranno una combinazione di terapie tra cui l’iniezione di cellule staminali e peptidi (congiuntamente a tecniche di stimolazione neuronale ) per verificare se esiste la possibilità di rigenerare il cervello delle persone clinicamente morte. I pazienti coinvolti nella ricerca saranno mantenuti in vita da macchinari e monitorati per diversi mesi attraverso screening del cervello per cercare i segni della rigenerazione. Il responsabile del team Dr Ira Shepherd ha chiarito come l’eventuale rigenerazione del cervello cancellerà la storia del paziente e che quindi la nuova attività cerebrale ripartirà da zero. Quindi non si tratta di riconsegnare l’estinto ai cari, visto che il rigenerato non avrà più la precedente identità ma sarà classificato come individuo X. CONTINUA A LEGGERE



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 1 minute, 46 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.