Mercoledi, 22 novembre 2017 - ORE:19:04

Ciascun dito è connesso a 2 organi del corpo: ecco cosa succede se lo stimoli…


Un metodo che arriva dal Giappone e che si basa sul trattamento di patologie attraverso le dita. Strano? Eppure si è rivelato piuttosto efficace nel corso dei secoli. Il concetto è piuttosto semplice: ogni dito è connesso a due organi. Per applicare il metodo “Jin Shin Jitsu” occorre esercitare una pressione sulle dita per circa 5 minuti. Pollice (Organi: stomaco e asplenio; Emozioni: ansia e depressione; Sintomi fisici: problemi della pelle, dolore allo stomaco, nervosismo, dolore alla testa). Indice (Organi: vescica urinaria e reni; Emozioni: paura, confusione e malcontento; Sintomi fisici: dolore alla schiena, muscoli e denti, problemi legati alla digestione). Medio (Organi: cistifellea e fegato; Emozioni: rabbia, irascibilità ed indeterminazione; Sintomi: dolori mestruali, emicrania, mal di testa, stanchezza e problemi circolatori). Anulare (Organi: intestino crasso e polmoni; Emozioni: tristezza, paura e negatività; Sintomi: asma, problemi digestivi, respiratori e della pelle). Mignolo (Organi: intestino tenue e cuore; Emozioni: nervosismo, ansia; Sintomi: mal di gola, malattie caridache e problemi delle ossa). CONTINUA A LEGGERE

Smartwatch free


Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 1 minute, 26 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.